Stampa

Darien Levani presenta a Torino il suo nuovo romanzo 'TORINOGRAD'

Darien Levani, giovane scrittore, esponente della nuova letteratura albanese, presenta sabato 15 ottobre 2016 davanti al pubblico torinese il suo nuovo romanzo, Torinograd (Spartaco Editore). L’incontro promosso dal Centro di Cultura Albanese si svolgerà a partire dalle ore 14:30 presso la Biblioteca Civica Centrale in Via della Cittadella, 5 a Torino.

Sospeso tra giallo e noir, ‘Torinograd’ racconta con maestria e ritmi serrati una storia densa, ricca di emozioni e colpi di scena. La trama avvincente è frutto del lavoro e dell’esperienza dell’autore come giornalista e avvocato. A parlarne, assieme a lui interverranno anche Benko Gjata, giornalista e presidente del Centro Albanese e Indrit Metiku, giovane regista e videoartist albanese. 

L’evento è proposto nell’ambito della collaborazione pluriennale con il Sistema Bibliotecario Urbano della Città di Torino, grazie alla quale nelle sedi delle biblioteche è oggi possibile trovare oltre 160 titoli di libri di autori albanesi, in lingua originale.

La serata è la prima di un ciclo proposto dal Centro di Cultura Albanese per promuovere la conoscenza della nuova letteratura albanese e favorire attraverso l’incontro con alcuni dei suoi principali esponenti, autrici e autori che vivono e lavorano da anni in Italia. 

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.


Promozione della letteratura albanese

I veloci sviluppi sociali, economici e culturali degli ultimi due decenni, che hanno cambiato il volto dell’Albania e della sua società, hanno impattato anche la produzione letteraria degli autori albanesi contemporanei. Nella loro arte c’è anche molta Italia. Diversi esponenti di spicco della nuova letteratura albanese, infatti, vivono e lavorano nel nostro Paese. Qui sono spesso ideate, ambientate e realizzate le loro opere. L’italiano, per molti di loro, è lingua di adozione; per alcuni, l’unico strumento attraverso il quale si esprime la loro creatività.

Per conoscere da vicino questo affascinante universo di opere e autori, esploratori delle potenzialità espressive e artistiche del bilinguismo, il Centro di Cultura Albanese proporrà nei prossimi mesi una serie di incontri con i principali esponenti della nuova letteratura albanese che vivono e lavorano in Italia.


Torinograd
(quì il link del libro su amazon.it)

Nuova fatica letteraria di Darien Levani, pubblicato a maggio 2016 e presentato in anteprima alla Fiera del Libro di Torino, “Toringrad” (Spartaco Editore) è una storia sospesa tra giallo e noir, un racconto di criminalità e droghe, un lavoro quasi giornalistico basato, tra l’altro, nel lavoro da avvocato dell’autore e anche nei rapporti annuali della Direzione Nazionale Antimafia.

‘Come fai a riconoscere la felicità mentre la stai vivendo? e sussurrare a te stesso: ora fermati, sei felice. Cristallizza questa frazione e osservati meglio: hai parte di quello che volevi, sei in un posto caldo, e sparsi per questa città ci sono degli amici che farebbero tutto per te. Rifletti su questo momento, cerca di fissarlo nella tua memoria per sfogliarlo più tardi come si sfogliano delle fotografie in cerca di conforto.

Non lo sai. Lo capisci dopo, solo dopo’

Drini, albanese, ex studente di Storia, dopo aver accumulato un discreto gruzzolo nel mondo dello spaccio della cocaina, a 29 anni si stabilisce a Torino dove gestisce un bar molto in voga che ha scelto di chiamare Toringrad. Ma quando il cognato Petrìt viene tradito e arrestato poco prima di Natale, gli affari di famiglia richiedono la sua presenza per portare a termine la consegna di un carico di dama bianca. Sarà un viaggio difficile e rischioso, con incursioni nel mondo del sottoproletariato italiano fatto di prostituzione, slot machine, tossicodipendenza, una trasferta che lo condurrà nella Milano del potere marcio. Ma sarà anche la ricerca del traditore, perché nessun conto può essere lasciato insoluto. I sospetti cadono sull’acquirente, Envèr. Se è stato lui, dovrà pagare con la vita. Eppure la verità non è mai scontata, come Drini avrà modo di scoprire a proprie spese. Toringrad è un romanzo ruvido e diretto come il suo protagonista, lucido e freddo imprenditore dello spaccio ma con una morale che lo induce a rimanere fedele a se stesso e al suo destino.

Un romanzo avvincente, che si legge tutto d’un fiato grazie alla ritmicità esplosiva del testo. (Lorenzo Mazzoni, Il Fatto Quotidiano)

"Toringrad" è un giallo appassionante e dall’atmosfera inquietante, uno spaccato di vita criminale allo stesso tempo cruda ed emozionante, quasi commovente. Notevole la descrizione delle origini, del vissuto di Drini, fatto di povertà e coraggio. Nel libro si racconta anche della fame, dei silenzi, della paura, del ferreo comunismo che ha influenzato e continua a condizionare la vita delle generazioni albanesi passate.

"Toringrad" è un romanzo che informa, sveglia le coscienze, un libro che travolge, che lascia lividi. (Sonila Alushi, Osservatorio Balcani e Caucaso)

Nessuno si illuda di intraprendere un percorso di sapore “new age” o di facili soluzioni delle proprie ricerche personali. Tutt’altro è il mondo che ci si prospetta in questo viaggio violento e inquietante in mondi “sotterranei” ma non troppo. (Luca Maciacchini, Occhio Critico)


Darien Levani

Darien Levani è un avvocato albanese che vive e lavora in Italia. Nato nel 1982 a Fratar, un piccolo paesino nel sud dell’Albania, si è trasferito in Italia nel 2000 per iniziare gli studi universitari in Giurisprudenza.

Esordisce nel mondo della narrativa nel 2010 con “Solo andata, grazie. - I popoli degli abissi” un mosaico di racconti che scavano nel mondo del sottoproletariato extracomunitario in Italia. Sempre nel 2010 partecipa nell’antologia “Nuove lettere persiane”, (a cura di Internazionale, con prefazione di Gad Lerner ed illustrazioni di Zero Calcare) con il racconto “Ladri di bicilette” , dal quale verrà realizzato il cortometraggio “L’importanza dell’essere in sintonia con l’universo” di Federico Micali.

Del 2011 invece “Il Magico Famoso Qukapik”, (Odoya Edizione), un thriller politico in pieno stile orwelliano. Del 2012 il lungo racconto “L'amore di Marx” pubblicato per Atlantis Lite Edition.

Sempre nel 2012, esce il primo romanzo albanese “Poetët bëjnë dashur ndryshe” (Botime Pegi) il quale verrà onorato con il più prestigioso premio letterario albanese “Penda e Argjendtë – Debutues”. Il romanzo successivo, “Dopio Gjashta”, uscirà sempre in albanese per Botime Pegi nel 2015. A differenza di tanti altri autori migranti, non ha mai abbandonato una lingua per l’altro, portando avanti un doppio lavoro, scrivendo e pubblicando sia in albanese che in italiano.

L’ultimo romanzo pubblicato è uscito a maggio 2016 ed è stato presentato in anteprima alla Fiera del Libro di Torino. “Toringrad” (Spartaco Editore) una storia sospesa tra giallo e noir, è una storia di criminalità e droghe, un lavoro quasi giornalistico basato, tra l’altro, nel suo lavoro da avvocato ma anche nei rapporti annuali della Direzione Nazionale Antimafia.

E’ tra i vincitori di “Scrivere altrove” nel 2010. Nel 2013 ha vinto il premio “Pietro Conti – Sezione Narrativa”.  Sempre nel 2013 il forum F.A.R.E. (che raggrupra le associazioni albanesi in Emilia Romagna) lo ha onorato con il suo premio annuale, “per il contributo alla promozione, attraverso la sua scrittura, della intercultura cui sono portatori i giovanni di tutto il mondo”.

Romanzi pubblicati

2010 – Solo andata, grazie – Alba Media

2011 – Il magico famoso qukapik – Odoya

2012 – “Poetët bëjnë dashur ndryshe” - Botime Pegi

2012 - L'amore di Marx -  Atlantis Lite Edition.

2015 - Dopio Gjashta - Botime Pegi

2016 – Toringrad – Spartaco Edizioni

Premi:

2010 – Scrivere Altrove, Associazione Nuto Revelli

2013 – Penda e Argjendtë, Ministero della Cultura albanese

2013 – Premio Pietro Conti, associazione FILEF

2013 – Premio F.A.R.E. (Forum Associazione Albanese Emilia Romagna) 

Registrati per ricevere le nostre comunicazioni

Nome 
Cognome 
Indirizzo 
CAP 
Provincia 
Città 
Telefono 
Email 
    

IL CENTRO A TORINO

CENTRO DI CULTURA ALBANESE

 

TORINO
Via L. L. Colli, 12, 10128

 

MILANO
Via Miramare, 9, 20126

 

Tel.: (+39) 011.54.36.82
-
Fax: (+39) 011.54.73.72
-
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL CENTRO A MILANO