Stampa

Famiglie In-Migrazione

Il Progetto Famiglie inMigrazione è un iniziativa del Gruppo Abele (nell’ambito del progetto Genitori & Figli) realizzata in collaborazione con il Centro di Cultura Albanese ed altre associazioni del territorio, volta a favorire il dialogo e la collaborazione con le comunità migranti presenti sul territorio di Torino

per promuovere il superamento di stereotipi e pregiudizi oggi, purtroppo, così presenti e diffusi e implementare una rete di collegamento e di co-progettazione. 

Il progetto si propone di costruire e mantenere un lavoro di rete con diverse associazioni rappresentanti delle 5 nazionalità di cittadini stranieri più presenti nella Circoscrizione 3, progettare l’apertura di spazi, presso la sede del Gruppo Abele, in Corso Trapani, 95, a Torino, dedicati da un lato alle donne con bambini durante la settimana ed alle famiglie il sabato o la domenica. Spazi che verranno progettati e gestiti insieme alle associazioni. Oltre a ciò si lavorerà per costruire occasioni di incontro e di scambio tra famiglie italiane e straniere, soprattutto in particolari occasioni dell’anno legate a feste e ricorrenze. Insieme a queste iniziative, rivolte direttamente alle famiglie, si lavorerà per aumentare la capacità di accoglienza alle famiglie straniere della rete dei servizi pubblici e privati presente sul territorio, attraverso momenti di sensibilizzazione e formazione sulle culture e le tradizioni dei diversi Paesi.

I destinatari del progetto sono le famiglie straniere presenti nella Circoscrizione 3, in particolare quelle dei 5 Paesi maggiormente presenti: Romania, Marocco, Perù, Albania, Repubblica Popolare Cinese e le famiglie italiane e degli altri Paesi. Si prevede la partecipazione attiva dei destinatari nella costruzione di momenti di incontro, conoscenza e scambio.

Se si considerano i dati dell’“Osservatorio Interistituzionale sugli Stranieri in Provincia di Torino” negli ultimi 10 anni la presenza straniera si qualifica per la caratteristica della stabilizzazione che, come abbiamo visto, sta avvenendo su tutto il territorio nazionale. Nel 2009 i cittadini stranieri residenti a Torino  sono 124.200 su una popolazione totale di 910.504 e rappresentano circa il 13,6%, con un incremento dello 0,9% rispetto all’anno precedente e dell’1,8% rispetto al 2007. Per quanto riguarda l’aggregazione familiare nella città di Torino risultano, nel 2009, 52.650 nuclei che hanno per capofamiglia uno straniero (nel 2008 erano 50.303, vi è stato, quindi un aumento del 4,5%). Costituiscono l’11,9% del totale dei nuclei familiari residenti a Torino. I nuclei più numerosi sono quelli formati da una sola persona, precisamente gli uomini soli sono il 24,2% (diminuiti rispetto all’anno precedente quando erano il 25,6%) del totale e le donne sole il 20,4%. Le coppie con figli sono il 26,3% delle famiglie (con una forte crescita rispetto all’anno precedente quando erano il 20,9 %). La situazione delle strutture familiari, risulta molto simile a quella delle famiglie italiane.

Il progetto Genitori&Figli

Nato nel 2005, il progetto Genitori e Figli lavora a tutto campo con le famiglie e con cui il Gruppo Abele e non solo continua a occuparsi di chi vive condizioni di particolare difficoltà e ha bisogno di interventi specifici, ma aiuta anche i nuclei familiari a prendersi cura del quotidiano, a valorizzare le proprie competenze e a trovare, se necessario, reti di sostegno.
Genitori e Figli si sviluppa in tre direzioni: con la prevenzione primaria universale mira a potenziare le competenze dei genitori con iniziative di formazione e orientamento, spazi di dialogo, confronto e collaborazione tra famiglie e occasioni di riconoscimento, accoglienza e integrazione di famiglie migranti; con la prevenzione secondaria selettiva lavora per stimolare e sostenere le capacità e le risorse individuali e familiari, fornire informazioni sulle risorse disponibili, offrire supporto psicologico ed educativo individuale e di gruppo. Con la prevenzione terziaria indicata interviene a sostegno delle famiglie in cui emergono problemi connessi a forme di dipendenza o a disagi di relazione, a supporto dei ruoli educativi quando esistono condizioni di particolare vulnerabilità sociale con percorsi di rafforzamento reciproco fra i nuclei familiari che accedono ai nostri servizi (auto e mutuo aiuto).

Registrati per ricevere le nostre comunicazioni

Nome 
Cognome 
Indirizzo 
CAP 
Provincia 
Città 
Telefono 
Email 
    

IL CENTRO A TORINO

CENTRO DI CULTURA ALBANESE

 

TORINO
Via L. L. Colli, 12, 10128

 

MILANO
Via Miramare, 9, 20126

 

Tel.: (+39) 011.54.36.82
-
Fax: (+39) 011.54.73.72
-
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL CENTRO A MILANO