Stampa

Nuovi italiani e diritto di cittadinanza

Venerdì 9 luglio 2010 presso l’ex sede dell’Associazione Culturale PiemontEuropa, a Torino, è stato organizzato l’evento “Nuovi cittadini, integrazione e cittadinanza italiana: quale futuro?” per fare un punto della situazione e descrivere alcune delle proposte di modifica più significative alla legge attuale sulla cittadinanza. Alla serata hanno partecipato il parlamentare piemontese Marco Calgaro e l’Assessore alla Famiglia Salute e Politiche Sociali della Città di Torino, Marco Borgione.

La serata si proponeva di offrire ai nuovi cittadini la possibilità di incontrare e dialogare direttamente con i rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali. Il pubblico infatti ha avuto la possibilità di discutere con gli ospiti presenti ed ha  portato alla loro attenzione casistiche e problematiche legate all’argomento trattato.

L’iniziativa mirava anche a valorizzare il patrimonio culturale e le esigenze sociali delle comunità straniere presenti sul territorio, nell’ottica di dare rilievo agli elementi unificatori che compongono il substrato di comunità eterogenee e fornire uno strumento di diffusione e di supporto alla simbiosi etnico-culturale di una città sempre più cosmopolita.

La serata, moderata da Raffaele D’Amato, dell'Officina della Storia e Benko Gjata, giornalista albanese, ha avuto inizio con le testimonianze di nuovi cittadini che hanno ottenuto o sono in procinto di ottenere la cittadinanza italiana.

Sono più di 900.000 i giovani italiani, figli di immigrati nati in Italia o giunti qua da piccoli, che non hanno ancora ottenuto la cittadinanza italiana perché penalizzati dalla normativa in vigore. Una situazione pesante che impedisce a loro di progettare il futuro e realizzare i propri sogni e ambizioni come tutti i coetanei. 

Quella delle seconde generazioni è solo una delle importanti questioni legate all’accesso alla cittadinanza italiana da parte dei nuovi cittadini che vivono a lavorano stabilmente in Italia, loro patria adottiva.

Da più parti viene considerato troppo eccessivo e penalizzante il termine dei dieci anni per la concessione della cittadinanza per “naturalizzazione”, in base al requisito della residenza. Così come vengono denunciati come assolutamente anomali i tempi burocratici per la valutazione delle domande, da parte della pubblica amministrazione.

La stessa legge 91/1992, che regola la materia, viene considerata datata e superata ed esistono diverse proposte di legge, al vaglio del parlamento proprio in questo periodo, che mirano alla sua revisione.

Registrati per ricevere le nostre comunicazioni

Nome 
Cognome 
Indirizzo 
CAP 
Provincia 
Città 
Telefono 
Email 
    

IL CENTRO A TORINO

CENTRO DI CULTURA ALBANESE

 

TORINO
Via L. L. Colli, 12, 10128

 

MILANO
Via Miramare, 9, 20126

 

Tel.: (+39) 011.54.36.82
-
Fax: (+39) 011.54.73.72
-
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL CENTRO A MILANO